Sepp Maier

Josef Dieter “Sepp” Maier (Metten, Germania, 28 febbraio 1944) con la maglia del Bayern Monaco.

Soprannominato die Katze von Anzing (il gatto di Anzing), Sepp Maier è stato uno dei più grandi portieri della storia del calcio. Dotato di riflessi eccezionali, indubbio carisma e, come si conviene per un grande portiere, un pizzico di follia, Maier era una vera e propria saracinesca per il Bayern Monaco e la Germania degli anni ’70.
Sempre in forma grazie al suo impegno costante negli allenamenti, Sepp Maier detiene il record imbattuto di partite consecutive giocate nel campionato tedesco, 473; stiamo parlando di quasi 14 campionati giocati interamente e consecutivamente, una cosa improponibile nel calcio di oggi.
In tutta la sua carriera Maier ha vestito solo la maglia del Bayern Monaco, di cui ha vissuto la grande stagione degli anni ’70 vincendo campionati e Coppe Campioni a ripetizione, insieme al suo amico di infanzia Franz Beckenbauer e a Gerd Müller.
Titolare fisso in nazionale, Maier vinse da protagonista i Mondiali casalinghi del ’74 contro l’Olanda di Cruyff e gli Europei del 1972 in Belgio.
Sepp Maier è stato, suo malgrado, il primo portiere a subire un rigore “a cucchiaio”: accadde nella finale dell’Europeo 1976 contro la Cecoslovacchia, il rigorista era Antonin Panenka.
Un episodio curioso che rivela il lato folle del portierone tedesco: preso dalla noia (!) durante una partita di campionato si mise ad inseguire un’anatra che gironzolava per il campo, incurante del fatto che gli avversari potessero segnare e sicuro che i suoi compagni di squadra avrebbero fatto buona guardia.
Un altro episodio segna la fine della sua carriera: non riuscirà infatti a guarire dai postumi di un incidente stradale; Maier era alla guida in stato di ebbrezza.
Appesi i guanti al chiodo, Sepp è diventato allenatore dei portieri del Bayern e della nazionale tedesca fino al 2004 fino al licenziamento da parte del ct Klinsmann per diversità di vedute riguardo al portiere da schierare titolare; Maier sosteneva il suo pupillo Oliver Kahn mentre Klinsmann voleva puntare su Jens Lehmann.

Il suo periodo d’oro: la prima metà degli anni ’70 quando vince una Coppa di Germania (1971), tre campionati tedeschi (1972, 1973, 1974), tre Coppe dei Campioni (1974, 1975, 1976), una Coppa Intercontinentale (1976) con il Bayern Monaco e un Europeo (1972) e un Mondiale (1974) con la nazionale tedesca.

Wikipedia: Sepp Maier


5 risposte a “Sepp Maier

  1. STUPENDO!
    Vi linko e vi seguirò con religiosa passione!

  2. Grazie mille Chris. Ti aggiungo ai link del blog

  3. Luca Gandini

    Il più grande portiere che abbia mai visto. Nelle giornate sì (cioè quasi tutte) dava la sensazione dell’imbattibilità. Un mito.

  4. Gianpaolo Spadafora

    Sepp Maier è stato x me il portiere migliore tra tutti quelli ke ho potuto vedere! La sua qualità migliore secondo me era quella di bloccare quasi sempre la palla, non ricordo di avergli mai visto respingere di pugno un pallone alto… eccezionale anche nelle uscite! Un grande!!!!!!

  5. Pingback: Gerd Müller | Calciatori Capelloni Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...